Sentimenti, relazioni, sessualità

Le storie "leggere" finiscono per pesarti molto? Ecco 6 cose su cui dovresti riflettere…

TheBloomingJourney TheBloomingJourney, 02 luglio 2014
Sei cose da ricordare se avvii una "scopamicizia" Sei cose da ricordare se avvii una "scopamicizia"

Quando avvii una storia leggera, tieni a mente che "nessun impegno", significa per davvero "nessun impegno"

Nella vita di molte di noi c’è un tempo per sognare la relazione perfetta, e un tempo in cui le esperienze sembrano piegarci ad un realismo cinico che ci dà la sensazione di essere forti, addirittura invulnerabili, ma uccide la parte migliore di noi, la fantasia, lo slancio, la creatività, e questo soprattutto a livello inconscio.

E poi, per molte ma non per tutte, c’è anche il tempo dell’amore vero, il tempo di essere adulte, mature nel senso migliore del termine, quello in cui si reimpara ad amare secondo una visione dell’amore matura, realistica, che riconosce ed accetta l’imperfezione di tutte le vicende umane, senza però rinnegarne l’importanza ai fini della felicità e della realizzazione personale.

Prima di arrivare a questo stadio, può accadere di fossilizzarti nella fase cinica, nell’intento di proteggerti dai tuoi stessi sentimenti. Questo può succedere, ad esempio, quando ti abitui a relazioni per così dire non impegnative che, se nel mentre ti regalano una sensazione di potere, di libertà, di emancipazione, subito dopo (complice anche il crollo delle endorfine?) ti lasciano puntualmente con l’amaro in bocca ed una bella dose di delusione e disillusione da smaltire (se sei sicura che questo non ti accada…chiudi pure questa pagina! :) ). Di fatto, le relazioni senza impegno si rivelano poi per la maggior parte delle persone, e delle donne in particolare, un investimento con ritorni fallimentari.

E i condizionamenti sociali non ci spingono certo a crescere, a maturare, a cercare ciò che vale, ciò che è solido e potenzialmente duraturo, al posto di relazioni “casual”: almeno in apparenza (probabilmente solo in apparenza) la società ha sdoganato un certo modo opportunistico di relazionarsi…e molte di noi preferiscono assumere il ruolo di quelle “che si divertono” (ma quante davvero si divertono?) piuttosto che scegliere uno stile di vita magari meno premiante nell’immediato, ma capace di emanciparle per davvero e fare emergere tutto il loro potenziale nel medio-lungo termine.

Mischiarsi, in tutti i sensi, agli esseri umani è necessario, vitale. Ed anche pagarne il prezzo ci sta: la delusione, la caduta più o meno rovinosa fanno parte di qualsiasi vicenda umana autentica, ricca, interessante. Anche la delusione, il dolore, il trovare il coraggio di ricostruirsi sono esperienze da fare. Ma nemmeno l’autolesionismo è una via e quello che davvero ci vuole è un po’ di autoconsapevolezza: consapevolezza delle conseguenze delle nostre scelte, al di là dell’euforia dell’immediato, dell'apparente seduttività del correre certi rischi. Per non sentirci cascare il mondo addosso quando – e accade spesso – le cose poi evolvono in un modo che emotivamente parlando non ci aspettavamo, per quanto fosse largamente prevedibile almeno sul piano razionale.

Per cui, quando decidi di avviare una relazione senza impegno, o, al contrario, di evitartela, ci sono sei cose che dovresti sforzare di tenere a mente. Parliamone.

1. Se avvii una relazione di sesso senza impegno, tieni presente che potresti pentirtene in seguito

A partire dalla rivoluzione femminista e dalla diffusione della contraccezione, il sesso “free” è diventato qualcosa di ben accessibile a quasi tutti. I media ci bombardano di messaggi espliciti o impliciti secondo i quali fare sesso è sano e divertente, a prescindere dalla relazione che si ha con l’altro (e anche dalla stessa esistenza di una relazione, a ben vedere: la one-night stand non è più nulla di sconvolgente per nessuno).

Eppure, consultate a posteriori, la maggior parte delle persone che sperimentano questo genere di relazioni non sembrano esserne entusiaste. Soprattutto tra le donne, prevale un senso di amarezza se non di rimpianto (maschi e femmine sono diversi: ). Gli stessi maschi denunciano spesso un senso di vuoto, accanto alla soddisfazione più o meno esplicitata della tacca sulla cintura (sì, sì). Ci sarà un perché.

All’inizio di una relazione, sebbene si annunci “non impegnativa”, l’euforia prevale. Anche se cerchi di tenere i piedi per terra, tutto ti sembra facile, gestibile, anche la peggiore delle evoluzioni possibili ti sembra perfettamente accettabile e superabile.

Poi, quando il partner ti volta le spalle, spesso senza una spiegazione (non ce n’era bisogno, era tutto chiaro dall’inizio, o no? ;) ), tutto cambia, tutto, e devi fare i conti con amarezza, delusione, senso di fallimento e conseguente mancanza di autostima. Il tuo umore potrebbe andare giù in picchiata. Bene, pensaci prima. Sei una persona con emozioni reali ed un bisogno di amore che nessuna emancipazione può mai toglierti, nessuna. Tutto il resto sono balle. Mettere delle etichette “leggere” o divertenti ad una storia in cui ti senti usata, non rispettata, non amata, non servirà a cambiarne la sostanza.

(l'articolo continua di seguito)

2. Considera che ogni incontro può servirti a fare esperienza e a conoscerti meglio, invece che a farti del male

Tutte le relazioni, anche quelle “volanti”, possono essere vissute come opportunità per comprendere di più su noi stesse, sulla vita, sugli altri, sui sentimenti e sulle relazioni. A maggior ragione se un’esperienza ti delude e ti ferisce, allora hai il preciso dovere verso te stessa di trarne una lezione. Una lezione che ti aiuti a fare di meglio per te stessa e nel tuo interesse per tutte le relazioni che verranno. E questo a maggior ragione se desideri avviare una vera relazione, cioè una relazione d’amore.

argov

3. Sappi che "nessun impegno", significa per davvero "nessun impegno"

Non scherzare col fuoco. Nessun impegno significa nessun impegno, nessun impegno. Significa che, a dispetto di una relazione sessualmente intima, si rimane sostanzialmente degli estranei. Molte persone, molte donne avviano una relazione di questo genere a cuor leggero, senza mettere in conto che poi si troveranno a fare i conti con il loro bisogno di amore e di stabilità emotiva, bisogno che resterà insoddisfatto in una storia di questo genere. Oppure ne sono consapevoli, di questo bisogno, ma pensano che arriveranno alla stabilità passando prima da una relazione senza impegno. Oppure si illudono che l’altro sia quel che loro vorrebbero che fosse e si costruiscono una relazione del tutto immaginaria, accanto a quella reale. Le relazioni senza impegno presuppongono una grande forza emotiva, padronanza e sicurezza di sé. Evita di cominciarne una se sai che sei troppo sensibile o vulnerabile emotivamente per gestirla.

4. Non avviare storie senza impegno se sospetti che nemmeno saresti a tuo agio

Se ti è capitato di avere una relazione senza impegno, probabilmente anche tu avrai pensato che il sesso senza amore è una esperienza ampiamente sopravvalutata.

L’intesa sessuale è figlia della cosiddetta chimica, ma anche dell’intesa e di una buona comunicazione – verbale e non - tra i due partner. E’ figlia addirittura di un affidamento reciproco, pensa un po’. E tu pensi davvero che ad un partner che in realtà non si cura di te interessi comunicare con te ad un livello profondo? Scordatelo. Con ogni probabilità sperimenterai una relazione superficiale, meccanica e priva di qualsiasi vero senso di connessione ed intimità.

(l'articolo continua di seguito)

5. Non illuderti che davvero esistano relazioni in cui è in gioco esclusivamente il sesso

Non importa quanto tu sia sveglia o "sgamata", considera che l’essere umano è programmato per associare il sesso alle emozioni, ai sentimenti, alla stabilità,e questo a prescindere da ciò che razionalmente crede di decidere. Siamo geneticamente programmati per questo! Nell’antichità, il sesso era un onore che un uomo doveva dimostrare di meritarsi. Ed è per questo che ancora oggi molti uomini concepiscono il sesso come una conquista e quindi tendono a svalutarlo, anche a prescindere dalla loro volontà, se lo ottengono troppo facilmente. Questi input istintivi sono pressoché impossibili da rimuovere perché appartengono in buona parte alla sfera irrazionale.

Considera che anche quando di pensi di mettere in gioco solo il sesso, in realtà inevitabilmente stai mettendo in gioco anche altro di te. E questo vale anche per il maschio. Se lui si pavoneggia di volere solo sesso, in realtà sta mettendo alla prova la sua capacità di auto controllarsi ed esercitare un potere su di te, e sul mondo femminile in generale.

magritte jpg

6. Non illuderti di poter fare a meno dell’amore, e non illuderti che vi sia amore dove non ce n’è

La dinamica che spesso porta le persone ad avviare relazioni senza impegno è che queste relazioni offrono qualche spunto reale su cui costruire relazioni totalmente immaginarie in cui proiettare sogni, bisogni ed aspettative. Ma l’impatto della realtà c’è sempre ed è dirompente. Nei casi più gravi, devastante.

Piuttosto che accontentarti di briciole e farne mattoni su cui edificare le tue fantasie, cerca di avere ben chiaro con te stessa di che tipo di relazione hai bisogno, che tipo di relazione ti rende felice. E considera che le fondamenta di una relazione si gettano al suo inizio, e che ben raramente ti sarà concesso di demolire e ricostruire. E che la gradualità è una strada che raramente si rivela sbagliata. Quindi, pondera bene i tuoi passi e impara a fare bene il tuo gioco, cioè ad ottenere quello che davvero ti rende felice. E non solo per qualche ora...


TheBloomingJourney

Quarantenne, milanese di adozione, appassionata di psicologia pratica, avida nello studiare e generosa nello scrivere di crescita... Scopri di più sull'autore