Psicologia e crescita personale

Il vero successo è diventare la persona migliore che puoi essere: parola di John Wooden

Mike Fishbein Mike Fishbein , 11 ottobre 2017
Volare alto Volare alto

Focalizzati sul lavoro da fare per migliorare

John Wooden ha vinto 10 campionati nell’arco di 12 anni come allenatore della squadra di basket  “UCLA”.

Ma non sempre ha avuto successo. Prima della UCLA, ha fatto solo due campionati nell’arco di 18 anni. Mettendo in pratica i principi che ha condiviso nel suo libro Wooden: A Lifetime of Observations and Reflections On and Off the Courtè diventato uno dei migliori e più affermati allenatori di basket di sempre .

Il libro di Wooden fornisce l’opportunità di una eccitante incursione nella mente di una persona capace di conquistare cose straordinarie. Wooden ha affrontato la vita ed il lavoro come uno Stoico – focalizzandosi su ciò poteva controllare, moderando le sue reazioni alle esperienze sia positive che negative, ed imparando dai fallimenti.

I principi che ha condiviso sono applicabili ben oltre il basket. Ciò che pensi influenza come ti senti e le tue performance. Questo è perfettamente vero per la vita dentro e fuori dal campo.

In questo articolo voglio condividere le cinque lezioni più importanti che ho imparato dal libro di Wooden e considerazioni su come puoi applicarle alla tua vita.

1. Focalizzati su ciò che puoi controllare

Wooden si focalizzava sulle cose che poteva controllare, ad esempio come preparare una partita, ed ignorava ciò che era fuori dal suo controllo, come il risultato della partita. Non si preoccupava di quanto la squadra avversaria si stesse preparando, o delle vittorie e sconfitte che aveva avuto, o di cosa ne pensava la stampa sportiva. Invece, si focalizzava sul processo.

 “Più ci dedichiamo alle cose che non possiamo controllare, meno agiamo su quelle che possiamo controllare”.

Wooden Wooden evidenzia due cose che dal suo punto di vista tu puoi e devi controllare: le azioni che compi ogni giorno, e le tue emozioni.

“Il tuo domani dipende in gran parte da ciò che fai oggi. Quindi fai dell’oggi il tuo capolavoro. Hai controllo su questo”, scrive. Il passato è nel passato ed il futuro è nel futuro. Agisci oggi per rendere il tuo futuro più luminoso.

Riguardo alle emozioni, Wooden dice: “mentre non puoi controllare quello che ti succede, puoi controllare come reagisci”. Wooden cercava di mantenere uno stato d’animo stabile, evitando anche i picchi positivi perché sapeva che avrebbero portato a delle cadute e non perdeva il suo tempo a preoccuparsi o a lamentarsi.

“Preoccuparti o lamentarti cambia qualcosa? No, ti fa solo sprecare il tuo tempo”.

2. Il successo è fare del tuo meglio

La definizione del successo di Wooden è diversa da quella che potresti trovare in molti dizionari. “Non giudicarti sulla base di ciò che hai ottenuto ma in relazione a ciò che avresti dovuto ottenere date le tue possibilità”. Invece di misurare il successo in termini di risultati, si focalizzava su ciò che era nel suo controllo.

“Il vero successo è conquistato solo con la soddisfazione di aver fatto tutto nei limiti delle tue possibilità per diventare il meglio che eri capace di essere”.

Wooden credeva che fare del proprio meglio fosse la strada per la felicità.

 “La felicità sta in molte cose. Nell’amore. Nella condivisione. Ma soprattutto, è un essere in pace con sé stessi sapendo che si sta facendo lo sforzo, il pieno sforzo, di fare ciò che è giusto”.

La filosofia di Wooden è diversa da quello che potresti leggere in molti libri di sviluppo personale. Invece di “pensare in grande” ha sempre preferito avere aspettative in linea con la realtà:

“Dovresti tenere le tue aspettative nell’ambito della realtà – del difficile ma possibile – e fare ogni sforzo perché si realizzino”.

Se i tuoi sogni sono molto oltre ciò che è realisticamente realizzabile, inevitabilmente affronterai una delusione. Se mantieni invece aspettative ragionevoli, e ti metti al lavoro, potresti avere delle sorprese positive.

3. Sii paziente

Wooden credeva che, oltre al duro lavoro, risultati significativi richiedono tempo. “I giovani devono ricordare che tutte le cose buone e di valore richiedono tempo (ed è esattamente così che dovrebbe essere)”, scrive.

Si può essere tentati di prendere scorciatoie e di fare “incursioni” per arrivare al successo. Wooden è contrario a questo approccio:

“Non cercare miglioramenti grandi e veloci. Cerca il piccolo miglioramento un giorno dopo l’altro. E’ l’unico modo in cui accade – ed accade per durare”.

Invece, credeva che “non c’è nulla che possa sostituire il lavoro. Tutte le cose che valgono arrivano dal lavoro”. È importante capire che qualsiasi cosa di valore ha un prezzo e che bisogna essere disposti a pagare quel prezzo.

4. Goditi il viaggio

Wooden trovava gioia e soddisfazione nel lavoro in sé che nel risultato finale. “Un percorso di successo diventa la tua stessa destinazione ed è in questo che sta il tuo traguardo”, scrive. A dispetto del fatto di aver vinto 10 campionati con la UCLA, Wooden dice di avere tratto molta più soddisfazione dalla preparazione:  

“Anche se ero compiaciuto dai titoli dei giornali e dai risultati del campionato, ottenevo più soddisfazione dalla preparazione e dal sapere che avevo fatto tutto ciò che potevo per preparare la squadra al meglio”

Non si dava degli obiettivi orientati al risultato (vittoria). Piuttosto, si focalizzava sul processo e sul lavoro da fare per migliorare.

“Era divertente e tutto, ma non un era un obiettivo. I miei giocatori possono testimoniare che io non ho mai detto una cosa come ‘Ecco il vostro obiettivo: un campionato! Se non lo vincete, sarete dei perdenti!’. Loro comprendevano molto bene cosa io intendessi per successo. Capivano molto bene la differenza che c’è tra il viaggio e la meta”.

5. Impara dai fallimenti

Nel tuo avanzare verso il successo, avrai sicuramente delle battute d’arresto. Wooden credeva che i fallimenti fossero una parte importante di questo processo. “…gli errori vengono dal fare, ma anche il successo arriva da lì. Chi non fa errori probabilmente è seduto a far nulla."

Va bene fare degli errori se stai facendo del tuo meglio e continuando ad imparare.

“…perdere è una situazione temporanea e non travolge tutto. Devi semplicemente studiarlo, imparare e sforzarti di non perdere ancora in quello stesso modo. Quindi devi avere l’autocontrollo di non pensarci più”.

Per Wooden, non puoi mai ottenere la perfezione ma puoi lavorare in quella direzione. Impara dagli errori che fai lungo il tuo percorso ma non permettere mai che ti indeboliscano. 

Puoi acquistare Wooden: A Lifetime of Observations and Reflections On and Off the Court su Amazon.

***

Questo articolo è stato tradotto e pubblicato su cortese autorizzazione dell'autore. Puoi trovarne la versione originale, pubblicata su Entrapreneurs, a questo link.



Mike Fishbein

*Mike Fishbein vive a New York ed è un affermato esperto ed autore in materia di sviluppo personale e marketing. Consulta il sito... Scopri di più sull'autore