Psicologia e crescita personale

Il semplice gesto che, da solo, può cambiare la tua vita

Monica Parikh Monica Parikh , 14 novembre 2017
Accettare di essere vulnerabili Accettare di essere vulnerabili

Lascia andare ciò che pensavi dovesse essere. Abbraccia ciò che è.

All’inizio di quest’anno, ho incontrato casualmente una mia vecchia collega/amica di nome Tasha. Erano due anni che non la vedevo, ma abbiamo avuto una illuminante conversazione durante il nostro incontro.

Da quando la conoscevo, Tasha viveva un matrimonio orribile; suo marito era un traditore seriale che non si faceva scrupoli di lasciare tracce dei suoi tradimenti ovunque, inclusa la loro camera nuziale.

Tasha andava in giro con una enorme ferita aperta: diceva a chiunque fosse nei paraggi quanto male le venisse fatto. Nel contesto del suo matrimonio e delle dinamiche familiari, vedeva sé stessa come una vittima. Tasha e suo marito avevano due bambini, che tristemente erano testimoni del costante flusso di abusi emotivi tra i loro genitori (come se i tradimenti non fossero abbastanza).

Ma due anni erano passati dall’ultima volta che la avevo vista. Aveva perso circa 20 chili di troppo. Era sorridente, la sua pelle era luminosa – irradiava felicità. Potrei dire che brillava. Quindi le ho chiesto: “cosa è cambiato?”.

"Tutto," mi ha risposto.

Negli ultimi due anni, aveva deciso di andare a piedi al lavoro, ogni giorno. Attraversava tutto il ponte di Brooklyn fino a raggiungere il suo ufficio nella parte bassa di Manhattan, il che richiedeva circa un’ora. Camminava nei giorni di sole. Camminava nelle tempeste di neve. Camminava sotto le piogge. Un piede dopo l’altro. Un giorno dopo l’altro. 

Camminare è diventata la sua meditazione quotidiana. Piangeva. Bruciava di rabbia. Esaminava il suo comportamento. Osservava la bellezza intorno a lei. E, alla fine, è guarita.  

Nel momento del nostro incontro casuale, Tasha era nel mezzo del divorzio da suo marito (lui era già fidanzato con una delle donne con cui l’aveva tradita). Sorprendentemente, Tasha non aveva malanimo nei confronti del marito o della sua nuova fidanzata. Di fatto, li accoglieva come una parte importante della vita dei suoi figli.

Ma la decisione più centrale che ha preso lungo il suo percorso, la decisione che la trasportata completamente verso una nuova versione di sé, è stata la decisione di perdonare. Prendendo tempo e spazio per guarire sé stessa, Tasha aveva trovato il perdono per suo marito, e, in questo processo, il perdono per sé stessa.

Per quanto difficile, il processo di perdonare e di lasciare andare (dolore, rabbia, vergogna) – ci permette di vivere la vita con un cuore aperto e gioioso. E quando irradiamo pace, attraiamo relazioni migliori nella nostra vita.

E quindi, io ti sfido a perdonare...

1. Convinciti di essere capace di lasciare andare.

Formula a livello mentale la decisione di conservare un cuore aperto e capace di amare. Lavora diligentemente al diventare compassionevole. Abbandona l’amarezza, le parole dure, la punizione, e la vendetta. Parte del perdono consiste nel superare questo condizionamento mentale – che ti vorrebbe legata alla tua stessa rabbia. Alla fine, perdonare è in un certo senso mostrare vulnerabilità. Ma questa vulnerabilità è capace di potenziarti e di liberarti.

2. Datti il tempo e lo spazio per guarire.

Il perdono (come il dolore) ha i suoi tempi. E questi tempi sono diversi da persona a persona.

Quindi renditi disponibile a sperimentare un sacco di emozioni complicate: rabbia, senso di tradimento, senso di perdita, odio per te stessa, e tristezza. Lascia andare le aspettative e offri al tuo corpo ed alla tua mente lo spazio per elaborare tutto, così da poter guarire.

3. Fai esercizio fisico.

I corpi sono concepiti per muoversi. Scegli una attività che ti piace e praticala regolarmente. Nota i cambiamenti fisici, emotivi e mentali che avvengono durante lo sforzo. Muovere il tuo corpo può funzionare come una sorta di meditazione, permettendoti di vivere un tempo protetto dalle emozioni negative in cui essere totalmente presente a te stessa.

4. Medita o prega.

Datti il tempo di respirare ogni giorno. Guardati dentro. Trova la calma. Se mediti e preghi sul perdono diligentemente, l’amore, la compassione e l’empatia crescono laddove prima il disprezzo, il giudizio e le ferite precedentemente avevano reso arido il tuo cuore. 

5. Lascia andare ciò che pensavi dovesse essere. Abbraccia ciò che è.

Tutti vorremmo le vite perfette che vediamo in TV. Ma quando lasciamo andare le “vite idilliache”, siamo liberi di vivere vite autentiche. Siamo liberi di parlare con sincerità in un modo che ci lega autenticamente agli altri. Diventiamo leader spirituali e non followers. 

***

Questo articolo è stato tradotto e pubblicato su cortese autorizzazione dell'autrice. Puoi trovarne la versione originale qui.


Monica Parikh

Monica Parikh è un avvocato ed una dating coach nonché la fondatrice di School of Love NYC, una scuola di relazioni nata per aiuta... Scopri di più sull'autore