Sentimenti, relazioni, sessualità

Conservare l'autostima dopo un rifiuto: 4 consigli

Sandy Weiner Sandy Weiner , 26 marzo 2018
Come fai a tenere alta l'autostima dopo un rifiuto? Photocredit: Josh Peterson@Unsplash Come fai a tenere alta l'autostima dopo un rifiuto? Photocredit: Josh Peterson@Unsplash

"Perché non riesco a trovare la persona giusta?"

Mia figlia ventiduenne ha ospitato due amiche a casa lo scorso weekend. La maggior parte delle loro conversazioni ruotano attorno alle relazioni ed al matrimonio. Come ebree ultra ortodosse, tra i loro principali obiettivi di vita c'è il matrimonio in giovane età.

Mio figlio di diciannove anni è stato svegliato bruscamente sabato mattina dalle rumorose conversazioni nella camera da letto accanto. "Blablabla il matrimonio. Blablabla il ricevimento. Blablabla gli uomini". 

Due di loro parlavano delle loro storie ormai serie. La terza arrivava da un altro stato ed aveva avuto diversi appuntamenti combinati da una matchmaker nelle ultime due settimane. E con l'ultimo ragazzo incontrato le sembrava ci fossero delle grosse chance di una evoluzione positiva. 

I primi due appuntamenti erano andati benissimo. Il terzo era programmato per sabato e lei era ansiosa di non portarsi sfiga da sola. In questo mondo ultra ortodosso, il terzo appuntamento è lo spartiacque. Per entrare in una frequentazione seria, devi superare il terzo appuntamento. Se questo non accade, il terzo appuntamento è l'ultimo. La mattina di sabato, si sentiva confusa su ciò che sarebbe accaduto. Pensava che fossero un buon match. Ma lui non aveva parlato di appuntamenti successivi. Tornò a casa aspettando di avere notizie dalla matchmaker. 

E ahimé, la risposta era stata "no". Lei si era sentita schiacciata, come se le mancasse l'ossigeno. Non c'è nulla che lei desiderasse di più al mondo che sposarsi. E invece, ancora una volta, la risposta era "no". Che dipendesse da lei o da lui, perché non riusciva mai a trovare il ragazzo dei suoi sogni? C'era qualcosa nel suo comportamento che sabotava i suoi incontri? E' possibile che lei faccia o dica qualcosa che spaventa gli uomini. Potrebbe essere semplicemente una affermazione negativa che l'altro interpreta come pessimismo. Oppure forse è troppo nervosa e non riesce a mostrare il suo lato divertente, che lui non conoscerà mai se la relazione finisce troppo presto. Ci possono essere miriadi di ragioni per cui un ragazzo non voglia un altro appuntamento. La sfida è andare avanti, e mantenere alta l'autostima dopo un rifiuto. 

Come fai a tenere alta l'autostima dopo un rifiuto?

1. Sii consapevole che non è colpa tua. 

Molti match semplicemente non sono perfetti.  Se fosse così, sarebbe facile formare delle coppie. Ma tu stai cercando qualcuno di speciale, non una persona a caso. Ci vuole tempo ed impegno per trovare la persona giusta.

2. A volte, sì dipende da qualcosa che hai detto o fatto. 

Di solito si tratta di malintesi. Cerca di scoprire se l'altro è stato "raffreddato" da qualcosa che hai detto o fatto. Forse ha interpretato le tue parole fuori dal contesto. In questo modo, potrai diventare più consapevole per la prossima persona che frequenterai. 

3. Vai avanti per la tua strada. 

E' importante non farsi scoraggiare dopo ogni esperienza negativa. Fai qualcosa di divertente. Esci con gli amici. Sii gentile con te stessa.  Quindi rimettiti in sella e preparati al prossimo appuntamento. La persona giusta è la fuori, e non la troverai restando a rimuginare in camera tua. 

4- Sii grata. 

Per proseguire nella tua strada con lo spirito giusto, la gratitudine è fondamentale. Se solo tutti portassimo nel nostro cuore questo fondamentale senso di gratitudine e amore di noi stessi, il mondo sarebbe un posto molto migliore!

***

Questo articolo è stato tradotto e pubblicato grazie all'autorizzazione dell'autrice. Puoi trovarne la versione originale, uscita sul magazine The Good Man Project, qui.


Sandy Weiner

Sandy Weiner è la fondatrice di Last First Date, una realtà orientata a dare alle donne over 40 supporto su come vivere relazioni... Scopri di più sull'autore